29
gen-2016

Escursione alla Catena del Corrasi

Luoghi   /  
Corrasi
ESCURSIONE CATENA DEL CORRASI
L’area montagnosa che sovrasta il paese di oliena costituisce il limite nord ovest del supramonte ed annovera la vetta più alta di questa zona, punta corrasi 1463 m. La catena del corrasi conosciuta come le dolomiti sarde non può non affascinare il visitatore con le sue foreste di leccio, i suoi tassi spettrali, la superba vista su gran parte dell’area supramontana e le sue formazioni calcaree che fanno avere l’impressione di camminare in un paesaggio incantato. Arrivati ad oliena, raggiungiamo una zona chiamata “tuones”, qui parcheggiamo ed iniziamo a camminare. Il sentiero va verso sud e passa attravero un bosco in cui i lecci secolari la fanno da padrone, in alcuni momenti si cammina sotto la volta boscosa e in altri la vista può spaziare sulla ampia vallata montana di “osposidda” e sull’area montagnosa intorno alla città di nuoro. Percorrendo un tratto un pò impegnativo svalichiamo al passo di “iscala e marras”, qui lo scenario cambia all’improvviso, il bosco è sostituito dai versanti brulli della montagna e la roccia dolomitica diventa protagonista della scena, solo alcuni tassi dalle forme spettrali, vecchi ginepri, lecci e qualche acero vivono in questo terreno arido. La visuale è magnifica e quassù il supramonte mostra la sua bellezza, ad est si vede la valle di lanaittu e le pareti rocciose dietro le quali si nasconde il mare; durante le giornate limpide si vede la prateria di campu donanigoro, le creste rocciose che racchiudono la gola di gorropu e a sud le montagne di orgosolo. Ci dirigiamo verso nord camminando lungo la cresta della montagna, passiamo attraverso vallate e pendii in cui troviamo tante formazioni rocciose dalle strane forme fino a raggiungere la vetta di punta corrasi da cui possiamo godere di una splendida visuale; iniziamo poi a scendere gradualmente verso un altro passo di montagna, “iscala e pradu” da cui possiamo ammirare le altre vette della catena del corrasi, punta carabidda e ortu camminu, punta sos nidos e punta cusidore dalla caratteristica forma affilata. Da qui in poco tempo torniamo alla macchina camminando su una strada sterrata che fu tracciata dai carbonai.

1

 "Mi piace" / 0 Commenti
Condividi questo articolo:

Archivio

> <
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec